Dove siamo
La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Varese si trova in p.zza Cacciatori delle Alpi, 4 
Palazzo di Giustizia
Codici IPA
Ai sensi del DM. 03/04/2013 n. 55, in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica, si rendono noti i codici IPA assegnati a questa Procura della Repubblica:
  • STG88J: da utilizzare per le fatture relative a spese di giustizia
  • B9DALF: da utilizzare per le fatture relative alle spese di funzionamento intestate alla Procura della Repubblica di VARESE

Tribunale di Varese
Corte Appello di Milano
Ministero della Giustizia

Misure organizzative dal 12 maggio al 31 luglio 2020
COME E QUANDO SI PUO' ACCEDERE AGLI UFFICI DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA

Non è consentito all'utenza entrare negli spazi della Procura della Repubblica al 4°, 5° e 6° piano del palazzo di giustizia. L’accesso agli spazi del piano 3° è consentito solo su appuntamento.

L’unico Ufficio aperto al pubblico, dal 12 maggio p.v., sarà il Casellario giudiziale a piano terra, esclusivamente per il ritiro dei certificati richiesti on line.

Tutti coloro che accedono alla Procura della Repubblica (DPCM 26 aprile 2020, Ordinanza Regione Lombardia n. 528 dell’11 aprile 2020 devono rispettare le seguenti regole:
  • entrare una sola persona per volta;
  • indossare mascherina protettiva e guanti monouso;
  • sottoporsi al controllo della temperatura corporea all'ingresso. Se superiore a 37,5° C, la persona non potrà accedere e verrà invitata ad allontanarsi e ad avvertire il medico curante;
  • presentare una mail con appuntamento. Per il casellario è sufficiente il foglio della prenotazione del certificato on line;
  • entrare senza accompagnatori;
  • rispettare le norme di distanziamento fisico.
Diversamente, l’accesso non sarà consentito.


CASELLARIO GIUDIZIALE
Il Casellario è aperto al pubblico dal 18 maggio al 31 luglio 2020 da lunedì a venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.00
Dal 12 al 15 maggio è aperto solo per la consegna dei certificati prenotati nel periodo di lockdown).
Le richieste di certificati del Casellario giudiziale e dei carichi pendenti devono essere inoltrate esclusivamente on line, sul sito www.procura.varese.it
I certificati possono essere ritirati decorsi cinque giorni lavorativi (vale a dire lo stesso giorno della settimana successiva all'istanza, se lavorativo) e, se richiesti con urgenza, dopo due giorni lavorativi.
Le richieste possono essere inoltrate anche per posta all'indirizzo Procura della Repubblica Ufficio locale del Casellario giudiziale Piazza Cacciatori della Alpi, 4 21100 Varese (VA) allegando alla domanda, compilata e firmata, la fotocopia del documento di identità, le marche da bollo e i diritti dovuti, una busta compilata con l’indirizzo del richiedente ed affrancata per la risposta, che verrà in tempi brevi restituita. Il certificato non verrà spedito se il nominativo del destinatario è diverso da quello del certificato e non verranno prese in considerazione domande incomplete.
Per informazioni scrivere all'indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

RICEZIONE ATTI
Nessun accesso è consentito senza prenotazione.
Per prenotare o richiedere informazioni sulle modalità di accesso, deve essere indirizzata apposita richiesta all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
  1. Richieste di comunicazione delle iscrizioni nel Registro delle notizie di reato ex art. 335 c.p.p.
  • La richiesta presentata da indagati e persone offese deve essere inoltrata esclusivamente on line, sul sito www.procura.varese.it.
Può essere ritirata dopo dieci giorni lavorativi, vale a dire dopo due settimane, con prenotazione dell’accesso. Non è consentita la delega.
  • La richiesta presentata dal difensore dell’indagato o della persona offesa deve essere inoltrata esclusivamente on line, sul sito www.procura.varese.it, corredata dalla nomina e dalla documentazione necessaria (si rinvia al sito istituzionale).
La risposta verrà restituita al difensore tramite pec entro dieci giorni lavorativi.
  1. Richieste sullo stato del procedimento ai sensi dell’art 335 ter p.p.
  • La richiesta presentata dalla persona offesa decorsi sei mesi dall'iscrizione del procedimento nei Registri Penali deve essere indirizzata alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Può essere ritirata dopo dieci giorni lavorativi, vale a dire dopo due settimane, con prenotazione dell’accesso. Non è consentita la delega.
  • La richiesta presentata dal difensore della persona offesa deve essere inoltrata all'indirizzo pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con attestazione di conformità a mezzo firma digitale, con allegata copia del tesserino, con indicazione del numero del procedimento, della persona offesa, del pubblico ministero. Senza queste indispensabili indicazioni sarà dichiarata irricevibile e respinta. La risposta verrà restituita al difensore tramite pec entro dieci giorni lavorativi.
  1. Richieste nulla osta
Le richieste di 'nulla osta' all'acquisizione dei verbali di constatazione e relative planimetrie redatti in occasione di incidente stradale devono essere inoltrate solo on line, sul sito www.procura.varese.it.
L’eventuale 'nulla osta' del P.M. (previsto nei soli casi di omicidio colposo, negli altri casi vi è autorizzazione preventiva del Procuratore della Repubblica a rivolgersi direttamente alla polizia intervenuta) sarà inviato entro 15 giorni lavorativi direttamente alla polizia operante.
  1. Querele e denunce
Querele e denunce da parte di privati devono essere presentate alle Forze di polizia (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza).
  1. Opposizioni alle richieste di archiviazioni
L’opposizione alla richiesta di archiviazione proposta dalla persona offesa deve essere depositata in Procura su appuntamento richiesto all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
  1. Richiesta chiusa inchiesta
La richiesta di chiusa inchiesta deve essere indirizzata alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., allegando documento di identità. Il certificato può essere ritirato dopo dieci giorni lavorativi, vale a dire dopo due settimane, con prenotazione dell’accesso, se positivo.
  1. Richiesta visione e copia fascicoli in archivio
La richiesta di visione ed eventuale copia di fascicoli in archivio è sospesa.
Solo in caso di comprovate e documentate ragioni di urgenza, che saranno valutate dal Procuratore della Repubblica, può essere inoltrata richiesta all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
  1. Deposito da parte dei difensori
I difensori possono depositare, all'indirizzo pec della Procura Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.:
  • nomine di fiducia, rinunce, revoche
  • elezione di domicilio, procura speciale
  • richieste interrogatorio
  • istanze dissequestro
  • memorie e richieste ex art. 415 bis comma 3 c.p.p.
  • richieste di patteggiamento
  • opposizioni all'archiviazione ex art. 408 comma 3 c.p.p.
  • notifica al pubblico ministero della richiesta di giudizio abbreviato nel caso di giudizio immediato ai sensi dell’art. 458 comma 1 c.p.p.
  • memorie
  • istanze

Tutti gli atti trasmessi a mezzo pec devono essere inviati in formato pdf, con attestazione di conformità all'originale in possesso del difensore, firmata digitalmente, con allegata copia del tesserino, con indicazione del numero del procedimento, della persona sottoposta a indagini o della persona offesa rappresentata, del pubblico ministero. Senza queste indispensabili indicazioni saranno dichiarati irricevibili e respinti. Potranno essere riproposti opportunamente integrati.
Se gli atti da depositare sono voluminosi, si dovrà procedere con richiesta di appuntamento.

Per depositare querele e denunce si deve procedere con richiesta di appuntamento al Cancelliere Zanetti all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

I difensori possono chiedere con istanza diretta all'Ufficio Ricezione Atti Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. allegando verbale di identificazione o altro verbale dal quale risulti l’esistenza di un procedimento penale e la nomina a difensore, gli estremi del procedimento e il nome del P.M.
La risposta verrà restituita al difensore tramite pec entro cinque giorni lavorativi.

I difensori possono avanzare richiesta di colloquio con il pubblico ministero all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando la ragione dell’appuntamento e il numero del procedimento penale.
I Magistrati, ferme le loro valutazioni, in caso di adesione potranno utilizzare il mezzo ritenuto più idoneo, privilegiando quello che evita la presenza in ufficio (telefono, mail, Microsoft Teams).

ESECUZIONE PENALE
Nessun accesso è consentito senza prenotazione.
Per prenotare (fascicoli da consultare) o chiedere informazioni indirizzare una mail all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
I difensori possono depositare all'indirizzo pec dell’Ufficio Esecuzione Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.:
  • istanze di misure alternative
  • nomine difensore
  • memorie
Tutti gli atti trasmessi a mezzo pec devono essere inviati completi dei dati necessari e con attestazione di conformità all'originale in possesso del difensore, firmata digitalmente, con allegata copia del tesserino.

UFFICIO SPESE DI GIUSTIZIA
Nessun accesso è consentito senza prenotazione.
Per prenotare indirizzare la richiesta al Funzionario all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Le richieste di liquidazione dei compensi per consulenti e interpreti devono essere inviate esclusivamente alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o sul Portale SIAMM.
Le relazioni scritte ed eventuali richieste di proroga del termine possono essere depositate con inoltro all'indirizzo pec della Procura Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

SEGRETERIA CIVILE
Nessun accesso è consentito senza prenotazione.
I difensori possono depositare all'indirizzo pec della Procura Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.:
  • Le negoziazioni assistite
Le negoziazioni assistite devono essere inviate in formato pdf, con attestazione di conformità all'originale, con allegata copia del tesserino.
Se gli atti da depositare sono voluminosi, si dovrà procedere con richiesta di appuntamento.

Per prenotare:
  • apostille e legalizzazioni
  • le richieste di nomina di amministratore di sostegno, nei casi di competenza del pubblico ministero
  • il ritiro, dopo dieci giorni lavorativi, delle negoziazioni assistite
indirizzare la richiesta all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

UFFICIO DIBATTIMENTO E DEPOSITO ATTI
Nessun accesso è consentito senza prenotazione.
Per la prenotazione, finalizzata all'indispensabile programmazione degli accessi ad orari scaglionati, deve essere inoltrata richiesta all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Saranno messi a disposizione per la consultazione e l’estrazione di copie i fascicoli in deposito solo qualora vi siano ragioni di urgenza identificate nella necessità di esercitare diritti prima del 31 luglio 2020.
Dunque, possono essere consultati:
  • i fascicoli relativi ai processi pendenti in fase dibattimentale, fissati per la trattazione, in conformità alle linee guida del Presidente del Tribunale, prima del 31 luglio 2020, atteso che per i rimanenti processi è previsto il rinvio d’ufficio.
  • i fascicoli depositati ai sensi dell’art. 415 bis p.p., dell’art. 131 bis c.p.p. e dell’art. 408 c.p.p. (la notifica della richiesta di archiviazione ex art. 408 c.p.p. sarà comunque da oggi comprensiva della motivazione);
  • i fascicoli comunque depositati dal pubblico ministero con avviso alle parti.
Codici IPA
Ai sensi del DM. 03/04/2013 n. 55, in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica, si rendono noti i codici IPA assegnati a questa Procura della Repubblica:
  • STG88J: da utilizzare per le fatture relative a spese di giustizia
  • B9DALF: da utilizzare per le fatture relative alle spese di funzionamento intestate alla Procura della Repubblica di VARESE